Fondata nel Medioevo e a lungo contesa da Firenze, Lucca e Pisa, Santa Croce è considerata la capitale mondiale della pelle, capoluogo del più importante distretto manifatturiero dedicato alla lavorazione del cuoio.

Vengono da qui il 35% della produzione italiana di pelli e il 98% della produzione nazionale di cuoio da suola, prodotti da 20.000 artigiani impiegati in 900 imprese di piccole e medie dimensioni.

Le prime concerie furono aperte all’inizio del XVIII secolo, un vero e proprio distretto prese forma a metà dell’800. Il boom dell’impresa conciaria risale soprattutto agli Anni Sessanta quando le manifatture tradizionali di Santa Croce acquisirono fama nel mondo.

Per conoscere da vicino l’eccellenza di un distretto produttivo unico al mondo è possibile percorrere la “Via del cuoio”, un vero e proprio itinerario che si snoda tra le principali aziende conciarie e i più sapienti artigiani di questo luogo-icona dell’eccellenza del Made in Tuscany.